Spacchettare investimento e diversificare le scadenze: conti deposito

Gennaio 2013, aumento imposta di bollo: Conti deposito
24 novembre 2012
Libretti al portatore: cosa sono e come funzionano
27 dicembre 2012

Spacchettare investimento e diversificare le scadenze: conti deposito

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Spacchettare investimento e diversificare le scadenze: conti deposito

Il rendimento è alto. L’imposta di bollo non la pago. Ma la banca non la conosco. C’è da fidarsi?.
Non sono pochi i nostri lettori che si pongono questo interrogativo. E visto che tra le banche più “convenienti” ci sono istituti poco conosciuti, i dubbi non faticano a venir fuori.

Cominciamo col dire che i conti di deposito, come i conti correnti, sono coperti dal Fondo interbancario di tutela dei depositi fino a 100mila euro. Esistono poi le autorizzazioni e i controlli istituzionali. “Un istituto per operare in Italia deve essere autorizzato dalla Banca d’Italia”, ogni operatore poi è sottoposto alla vigilanza di via Nazionale e comunque in caso di fallimento e messa in liquidazione, interviene il Fondo di garanzia.

Tuttavia se si vuol limitare l’eventuale rischio, il consiglio migliore è quello di spacchettare l’investimento: investire piccoli tagli scegliendo vincoli temporali diversi e magari accendendo depositi su banche diverse, scegliendo tra quelle che si accollano l’imposta di bollo.

In questo modo si evita di inchiodare la giacenza con lo stesso istituto e, diversificando i vincoli, si ha la possibilità di avere a disposizione liquidità con maggiore facilità”.

Ma i risparmiatori continuano a guardare con interesse a questi strumenti di investimento? “A giudicare dalla quantità dell’offerta, direi proprio di sì”, spiegaFrancesca Tedeschi di Osservatoriofinanziario. it.

Non sono poche le banche che continuano a esentare i clienti dal pagamento del bollo e questo perché gli istituti stanno cercando di frenare la fuga dei risparmiatori.

Se osserviamo il fenomeno dei depositi dagli iscritti della community di Osservatorio finanziario, un buon 40% ha almeno un deposito attivo.

Ma crescono sempre di più quelli che guardano agli strumenti di risparmio postalelibretti e buoni postali come forma di investimento: a parità di garanzie, non sono previste imposte di bollo e i rendimenti sono molto buoni specie sul lungo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *