Bollette gas e luce: risparmio di 67 euro l’anno
Bollette gas e luce: risparmio di 67 euro l’anno
31 marzo 2016
Telefonia e roaming: Tariffe estero
Tariffe all’estero Diffida Agcom per Wind e Tim
1 giugno 2016

Roaming: telefonare in Europa costerà 5 centesimi al minuto

Telefonate all’estero: abolito il roaming: da giugno 2017
Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Telefonate all’estero: abolito il roaming: da giugno 2017Roaming: telefonare in Europa costerà 5 centesimi al minuto

Roaming, si cambia Chiamare in Europa da oggi costa meno

Telefonare in Europa costerà 5 centesimi al minuto, fino a ieri la tariffa aveva un tetto di ben 19 centesimi.

Nell’Europa dei nuovi muri, è la telefonia a provare a cancellare le divisioni.
L’effetto sarà un risparmio per tutti e su questo, di certo, dovranno essere d’accordo anche i partiti che vogliono cancellare il trattato di Schengen.
Le tariffe per il roaming da oggi subiranno una drastica riduzione, in vista della cancellazione totale della sovrattassa internazionale già fissata per giugno del 2017.

Da adesso chiamate, testi e traffico web da un altro Stato membro della Ue verranno contabilizzate all’interno del proprio abbonamento, senza più essere considerati extra: il nuovo tetto di costi aggiuntivi che le compagnie potranno imporre sarà, infatti, di ben 3, 4 volte inferiore a quelli in vigore fino a ieri. Un po’ di numeri per capire meglio: le chiamate costeranno al massimo 5 centesimi al minuto contro i 19 attuali, gli sms 2 centesimi anziché 6 e i megabyte di dati 5 centesimi a fronte dei 20 chiesti finora.

Una svolta frutto dell’accordo raggiunto la scorsa estate da Commissione, Parlamento e Consiglio Ue che, come si diceva, dal 15 giugno del 2017 porterà a pagare le telefonate fatte da un italiano in Italia esattamente quanto un italiano in Germania o in Francia. «Siamo all’ultimo miglio prima della fine dei costi del roaming.

E questo non riguarda solo il risparmio da parte degli europei ma anche il far cadere le barriere del mercato unico digitale», ha commentato Andrus Ansip, vicepresidente della Commissione Ue.

Il provvedimento definisce anche il principio della neutralità della rete per proteggere il diritto di ciascun europeo di accedere al contenuto online scelto.

Il percorso che porterà alla cancellazione delle tariffe aggiuntive del roaming è stato lungo: era infatti il 2007 quando la Ue iniziò a programmare azioni per ridurre i prezzi del roaming e da quel momento i costi (senza contare le riduzioni di oggi) sono calati per le chiamate dell’ 80% circa e per i dati del 91%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *