Agcom all’Antitrust: No alle ricaricabili pagate ogni 28 giorni

Gas e luce, il mercato libero cresce ma bollette più care
Antitrust: mala-bolletta, nel mirino Eni, Enel, Edison e Acea
14 luglio 2015
Modo legale per liberarsi del Canone TV
10 settembre 2015

Agcom all’Antitrust: No alle ricaricabili pagate ogni 28 giorni

fca
Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

fcaAgcom all’Antitrust: No alle ricaricabili pagate ogni 28 giorni

LE TARIFFE DEI CELLULARI

Un’avvertenza alle compagnie telefoniche, una tutela nei confronti dei consumatori spesso vittime di certe furbizie nel mercato.

Così, «pur riconoscendo la libertà commerciale degli operatori», ieri l’Agcom ha segnalato all’Antitrust, per gli accertamenti di competenza, l’introduzione negli ultimi mesi da parte dei nostri giganti della telefonia mobile, di modalità di rinnovo automatico delle offerte ricaricabili ogni quattro settimane.

E non più mensilmente, come in precedenza.

Lo si legge in una nota nella quale sono stati fatti pure conteggi approfonditi: viene ricordato come l’effetto della nuova modalità di tariffazione implichi un aumento medio annuo della spesa per la gente calcolato circa al 7%.

Nella nota, l’Agcom fa notare «gli effetti restrittivi sugli utenti di ricaricabili che in pochi mesi hanno visto drasticamente ridursi la possibilità di reperire sul mercato offerte di rinnovo automatico della tariffazione alternative a quella ogni 28 giorni».

Nello specifico, nel mirino le nuove sottoscrizioni a offerte ricaricabili di Wind (dallo scorso mese di marzo) e Vodafone (da giugno) che avranno il rinnovo automatico ogni quattro settimane esatte (e non ogni mese esatto come prima).

Tim, invece, dal 2 agosto, ha da un lato previsto il rinnovo ogni 28 giorni, dall’altro ha comunicato all’Autorità l’intenzione di estendere la modalità a numerosi piani tariffari già sottoscritti.

Su quest’ultimo caso, l’Agcom «ha ritenuto non completa l’informazione agli utenti necessaria a garantire il diritto di recedere dal contratto, eventualmente passando ad altro operatore, senza penali o costi di disattivazione».

Ecco allora che l’auspicio dell’Autorità è che, proprio grazie a questa segnalazione all’Antitrust, gli utenti possano muoversi «con consapevolezza» in questo mondo ormai tanto complesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *