Netflix: Suburra, Mafia Capitale è un film western

Bollette, domani scattano aumenti su luce del 3,4% e gas 2,4%
30 settembre 2015
Pagamento in bolletta: riduzione importo del canone RAI
Pagamento in bolletta: riduzione importo del canone RAI
3 novembre 2015

Netflix: Suburra, Mafia Capitale è un film western

Netflix: Suburra, Mafia Capitale è un film western
Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Netflix: Suburra, Mafia Capitale è un film westernNetflix: Suburra, Mafia Capitale è un film western

Su Netflix arriva Suburra Mafia Capitale è un western

Il regista Sollima presenta il film su Roma corrotta «Non è Gomorra: racconto una città»

Criminali, politici, cardinali ed escort.
Sono i protagonisti di Suburra, il nuovo film di Stefano Sollima (in sala mercoledì), il regista che ha conquistato il mondo con la serie tv Gomorra.

Sollima, figlio d’arte, colpisce a fondo con una pellicola ambientata nella Roma del novembre 2011, durante la crisi del governo Berlusconi e che racconta, in 7 giorni, le collusioni tra criminalità, politica e Vaticano. Affondando le mani nell’omonimo libro di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini.
Un viaggio tra i salotti del potere, tra passato (nell’antica Roma, la suburra era il luogo dove criminalità e politica si incontravano) e presente (Mafia Capitale vi dice qualcosa?). Cast strepitoso: Claudio Amendola, Elio Germano, Pierfrancesco Favino, Greta Scarano e Alessandro Borghi (visto recentemente in Non essere cattivo di Caligari) sono le pedine schizofreniche di una Roma quasi surreale, calpestata dall’immoralità e da una pioggia incessante. La “grande bellezza” è sempre più annacquata.

A Sollima piace la definizione di “western metropolitano”. «Il cinema di genere è il modo più efficace per arrivare al pubblico senza annoiare e per raccontare vicende connesse alla realtà.
Trasforma la nostra Storia in qualcosa di simbolico e allegorico che potrebbe essere attuale anche tra 20 anni». L’ispirazione inevitabile è il cinema del padre Sergio. «Sono cresciuto sul set di Sandokan», ma i punti di riferimento sono anche altri: «William Friedkin (L’esorcista, ndr), Michael Mann e Kubrick, che ha frequentato i generi in modo del tutto personale », racconta il regista.

Suburra per certi aspetti si avvicina a Gomorra, per altri si allontana. «Con questo film ho cambiato il mio modo di girare, per un western metropolitano occorreva immortalare i “pistoleri” in ampi spazi. In Gomorra stavo addosso ai personaggi, qui faccio un passo indietro per raccontarli insieme al loro mondo».

Dove verrà trasmesso Suburra?

Suburra verrà diffuso in America da Netflix e già si pensa a una serie tv. Un altro successo italiano su una storia italiana da dimenticare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *