Codice per le seconde case: Imu, domande e risposte
26 maggio 2012
Imu come seconda casa perchè non residente: Imu, domande e risposte
9 giugno 2012

Proprietario con moglie in regime di comunione di beni: Imu, domande e risposte

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Proprietario con  moglie in regime di comunione di beni: Imu, domande e risposte

Sono proprietario con mia moglie, in regime di comunione di beni, di un’abitazione principale con un box auto di pertinenza e da qui sorge il primo quesito: calcolando l’aliquota dello 0,4% (4 per mille) sul box auto, l’imposta dovuta è pari a 22 euro ma essendo in comunione beni sarà di 11 euro. Dovremmo comunque versare la cifra irrisoria di 11 euro?

Il secondo quesito riguarda la compilazione del modello F24. Applicando la detrazione di 200 euro (per abitazione principale) ogni proprietario beneficerà quindi di 100 euro: a giugno per l’acconto, nella voce detrazione dovremmo indicare 100 euro oppure dividere la detrazione in 2 soluzioni ovvero 50 euro all’acconto e 50 euro al saldo?

Francesco R.

Risposta offertetariffe.it

Caro Francesco, premesso che, pur trattandosi di modesti importi, le tasse devono essere versate, il calcolo Imu per un’abitazione principale con box di pertinenza si effettua partendo dalla somma delle rispettive rendite catastali.

Poniamo, ad esempio, che l’abitazione principale abbia rendita catastale di 500 euro e il box di 100:

1) si sommano le rendite catastali dei due immobili: 500+100=600;

2) si rivaluta del 5% la rendita così ottenuta: 600×1,05=630;

3) si moltiplica per il coefficiente fisso (che per le case è 160): 630×160=100.800, ottenendo la base imponibile;

4) a questa si applica l’aliquota del 4 per mille: (100.800×4)/1000=403,20 ottenendo l’imposta da pagare;

5) si sottrae la detrazione di 200 euro: 403,20-200=203,20 (le norme non specificano se la detrazione deve essere applicata per intero alla prima scadenza o se possa essere imputata a ciascuna rata. Ma dato che il risultato sarebbe comunque identico, per ragioni di praticità sembra preferibile la prima soluzione).

6) entro il 18 giugno si versa l’acconto pari al 50% dell’imposta (101,60 euro) se si sceglie di pagare in due rate o al 33% (67,05 euro) se si sceglie di pagare in tre rate.

Tutto con il codice tributo 3912. In caso di comproprietà, la detrazione sarà suddivisa tra i comproprietari, sempre a condizione che ricorrano per tutti i requisiti di residenza e dimora abituale in quell’immobile.

Imu: domande e risposte sull’Imposta Municipale Unica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *