Le bellette di luce e gas non arrivano
10 marzo 2014
Aprile: bollette energia elettrica e gas meno care: 52 euro di risparmio
29 marzo 2014

Scontrino con dicitura non fiscale: Ennesimo escamotage?

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Scontrino con dicitura non fiscale: Ennesimo escamotage?

Tra coloro che hanno avuto problemi con gli scontrini fiscali, il 68% lamenta il fatto che lo scontrino diventa illeggibile nel giro di poco tempo, a causa della carta chimica di cui e fatto.

Un problema non da poco, soprattutto se abbiamo acquistato elettrodomestici o prodotti di hi-tech di un certo valore e vogliamo far valere la garanzia nei due anni successivi, così come per gli sgravi sui mobili o i medicinali, che si ottengono solo con lo scontrino fiscale.

Una soluzione è quella di fare la fotocopia o una fotografia.

Cosa succede se l’ipermercato dove ho comprato il mio nuovo televisore mi rilascia uno scontrino con la dicitura “non fiscale”?

E l’ennesimo escamotage per evadere le imposte?

Dietro a questa formula non si nasconde alcun imbroglio, ne tantomeno un’ammissione di evasione delle imposte. Sarebbe troppo, anche per il nostro Paese… E’tutto a norma di legge (311/2004): infatti, le aziende della grande distribuzione possono scegliere di inviare all’Agenzia delle entrate l’ammontare complessivo degli incassi giornalieri per via telematica, invece, di emettere scontrini fiscali.

Per essere meno tartassati

La pressione fiscale in Italia e alta, nel 2013 ha raggiunto il valore record del 44,5% del Pil e nel 2014 non si prevede certo una riduzione.

Ci sentiamo tartassati e non e purtroppo una commedia brillante come quella messa in scena da Totò, ma una dura realtà che tutte le famiglie stanno vivendo sulla propria pelle.

Il che, però, ci riporta all’annoso problema dell’evasione fiscale: non tutti pagano le tasse, ma se tutti lo facessimo, tutti pagheremmo meno. Come? Iniziando a non essere indulgenti con chi ci prospetta falsi sconti sull’Iva in cambio di una fattura più bassa o senza del tutto, ma anche da chi non ci fa mai lo scontrino.

Chiediamolo sempre.

Anche perchè, grazie a questo documento, possiamo risparmiare sulle imposte.

Nella dichiarazione dei redditi possiamo scaricare: le spese mediche e veterinarie, i corsi sportivi per ragazzi (5-18 anni), gli interventi di ristrutturazione edilizia e il conseguente acquisto di mobili o grandi elettrodomestici, le spese funebri, quelle per l’assistenza personale di persone non autosufficienti, i compensi pagati alle agenzie immobiliari per l’intermediazione nell’acquisto della casa e le spese notarili di accensione del mutuo per l’abitazione principale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *