Crisi: i problemi nell’Eurozona non sono finiti

Adsl: ampiezza minima di banda non garantita
23 giugno 2012
Roaming: dal 1° luglio nuove tariffe
7 luglio 2012

Crisi: i problemi nell’Eurozona non sono finiti

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Crisi: i problemi nell’Eurozona non sono finiti

L’Eurozona si allontana dal baratro ma la crisi resta irrisolta”.
L’agenzia Ficth ha così annunciato che non taglierà il rating dell’area euro. “Sebbene i rischi che provengono dalla Grecia siano per ora diminuiti”, sottolinea l’agenzia, “la severità della crisi sistemica che ha investito l’Eurozona non diminuirà fino a quando i leader europei non articoleranno una road map credibile per completare l’unione monetaria con una assai maggiore integrazione fiscale e finanziaria”. Intanto si moltiplicano gli studi sui probabili scenari futuri legati alle sorti della moneta unica.

Secondo un’analisi del Credit Suissele probabilità che l’area euro sopravviva nelle sue forme attuali sono dell’80% mentre all’eurocrac affidano il 10% di chance.

Più pessimista la visione dell’americana Morgan Stanley. In un report attribuisce dal 25% al 35% la probabilità di un evento traumatico che ponga fine al conio europeo nei prossimi mesi. Per gli analisti americani tuttavia il crac potrà essere evitato solo se si metteranno in campo, nel medio-lungo termine, cinque riforme.

Nell’Summit europeo dello scorso 28 e 29 giugno è stato fatto un fondamentale passo in avanti defininendo importanti misure anti-spread, basteranno? Ai mercati l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *